Impianti di essiccazione a rimozione meccanica - Serie A


La SERIE A è caratterizzata da un sistema di rimozione meccanica brevettato adatto per materiali con alto contenuto di umidità o particolari che, durante il processo di essiccazione, richiedono una miscelazione per ottenere una omogenea umidità e qualità finale.

Il sistema di carico del materiale umido è in funzione delle caratteristiche fisiche del materiale stesso con tramoggia dosatrice od alimentatore a tappeto inclinato.

L’agitatore meccanico di rimozione Scolari, brevettato, permette ai materiali, con alta umidità iniziale, di essere esposti per il tempo necessario ottenendo il grado di essiccazione desiderato e nel contempo miscelarsi per garantire l’omogeneità del prodotto finale.

Il sistema di rimozione dell’agitatore meccanico e le sue velocità di rotazione e traslazione sono definite in funzione delle caratteristiche fisiche del materiale da trattare e, durante il processo, sono controllare da inverter per autogestirsi in funzione dell’umidità finale programmata

Le parti interne dell’impianto a contatto con il materiale, oppure, l’intero impianto possono essere realizzate in acciaio inox in funzione delle esigenza del cliente e/o della corrosività dei materiali in trattamento..

Sistema di abbattimento polveri con cicloni ad alta efficienza che assicura il rispetto della normativa vigente e/o sistema di trattamento ad umido dell’aria satura in uscita dal camino nel caso che durante il processo si liberino odori molesti dal materiale.

Estrema facilità di installazione anche in locali esistenti.

Aria di processo a bassa temperatura che può variare da 35°C. a 140°C in funzione della tipologia del materiale da essiccare e dalla fonte di calore disponibile.
Il sistema Scolari permette di recuperare termica da acqua calda, fumi di scarico caldi, vapore, olio diatermico o di utilizzare bruciatori in vena d’aria o gruppi generatori a combustibili solidi alimentati da biomassa o reflui.

L‘impianto, quando lo richiedono temperatura, termica utilizzata e/o caratteristiche fisiche del materiale da essiccare, è dotato di sistemi preventivi di autocontrollo e sicurezza per una corretta autogestione del processo di essiccazione incluso un sistema di sicurezza con irrorazione di acqua su tutta la superficie essiccante.

Gestione da software PLC posto nel quadro elettrico di comando, che permette la visualizzazione di tutto il processo lavorativo, controllo automatico dell’umidità finale, controllo da remoto e possibilità di collegarsi, via telematica, con sede operativa Scolari per risolvere in maniera rapida ed efficace eventuali problemi e/o correggere parametri di processo.

Gli impianti possono prevedere un raffreddamento finale del materiale essiccato in modo che quando questo è scaricato possa essere immagazzinato direttamente.

Il Mod. CD prevede nella Kappa di copertura l’inserimento di un tappeto superiore forato che permette , utilizzando l’aria calda in uscita dal tappeto inferiore di essiccazione, di preriscaldare il materiale umido e di permettere l’inizio dell’evaporazione.
Questa applicazione è prevista quando la temperatura di processo è di 120-130°C.e permette di massimizzare il rendimento termico dell’impianto.