Altri materiali

Impianti per il trattamento di altri materiali

Progettiamo e realizziamo impianti per l’essiccazione e il trattamento di qualsiasi prodotto, anche di quelli meno comuni o più difficili da smaltire. Dalla frutta secca alle erbe officinali, dai reflui organici e zootecnici alle sementi, dall’HDPE macinato al PET polietilene, ma non solo.

Per rispondere alle esigenze più specifiche dei nostri clienti, ci impegniamo nella realizzazione di impianti su misura. Se ancora non hai trovato il prodotto che cerchi, contattaci e sapremo trovare la soluzione più adatta alle tue necessità.

Frutta secca, arachidi, mandorle, nocciole, noci

Nel settore specifico della frutta secca, Scolari ha realizzato impianti per essiccare mandorle, noci, arachidi. Gli impianti sono progettati e realizzati in funzione delle esigenze specifiche del cliente.
I trattamenti variano, con tecnologia differenziata, in funzione delle temperature di processo programmate e dei tempi di essiccazione che sono nettamente diversi da arachidi a mandorle sgusciate, o vestite, a noci smallate. L’umidità finale per la conservazione è normalmente prevista ≤ 10%. Cicli continui o alternativi in considerazione delle capacità operative richieste e delle tecnologie applicate compatibili con le caratteristiche fisiche del prodotto da essiccare.

Erbe officinali

Per le erbe officinali Scolari propone impianti con cicli di lavoro alternativi, impianti standard per media capacità produttiva o impianti speciali, appositamente progettati e realizzati per l’essiccazione di erbe officinali.

Per questi impianti si prevedono due stadi con recupero e riciclo dell’aria calda in uscita dal primo stadio che, dopo un’integrazione di temperatura, è inviata al secondo stadio. Le temperature di processo sono molto contenute per garantire il totale mantenimento dei principi attivi presenti nelle erbe essiccate.

Reflui organici e zootecnici: letame bovino e pollina

L’essiccazione a bassa temperatura dei reflui organici e zootecnici permette di ridurre l’umidità iniziale contenuta e di sanificarli, eliminando eventuali patogeni presenti. Nel settore zootecnico, viste le caratteristiche fisiche dei materiali i reflui, questi possono, in alternativa al processo di essiccazione, essere  compostati in biotunnel completi  di movimentatori realizzati da Scolari. I materiali essiccati e sanificati sono, normalmente,  recuperati  per essere utilizzati come lettiera per bovini o come ammendanti o  fertilizzanti in agricoltura, orticoltura, verde pubblico, ecc.

Sementi

La tipologia degli impianti di essiccazione sementi è sempre da definire in funzione delle caratteristiche fisiche del seme da essiccare. Le varietà dei semi essiccati con impianti Scolari variano dai semi delle orticole, a quelli per tutto campo, ai legumi, alle sementi confettate, ai semi lavati, ai cerali, ai semi oleosi,  ecc.

Tutti gli impianti prevedono aria di processo con temperature inferiori ai 40°, massima facilità di pulizia per evitare  inquinamenti di prodotti fra una varietà e l’altra, cicli di essiccazione continui e/od alternativi, semplicità di manutenzione e di utilizzo.

Sale marino e zucchero

Il sistema proposto è basato sulla tecnologia del letto fluido vibrante che permette di essiccare sale marino o zucchero ad una umidità finale ≤ 1% utilizzando aria calda a bassa temperatura. I tempi di esposizione dei materiali sono molto contenuti e non alterano minimamente le caratteristiche chimico-fisiche dei materiali.

La progettazione di questa tipologia di impianto è realizzata con particolare attenzione, data la destinazione dei materiali essiccati: tutto l’impianto è realizzato in Aisi 304 o Aisi 316 ed è estremamente facile da pulire e mantenere, per permettere agli operatori di poter intervenire sistematicamente ed evitare che ci siano punti di arresto che possono creare problemi di inquinamento durante la lavorazione.

HDPE macinato, PET polietilene

Per il recupero e il riutilizzo sia di HDPE sia di PET, dopo il lavaggio, è necessario prevedere l’asciugatura dell’umidità residua.

Trattandosi di umidità superficiale Scolari propone il sistema a letto fluido vibrato, che permette di ridurre l’umidità residua ≤ 1% eliminando problemi per la lavorazione finale del materiale. Il sistema è a ciclo continuo con recupero calore ed abbattimento polveri, per il rispetto delle normativa vigente per le emissioni in atmosfera.

Vinacce – vinaccioli

L’essiccazione e di vinacce e vinaccioli è normalmente prevista per ridurre l’umidità del prodotto ad un livello tale che permetta di poter dividere i materiali con sistemi a vaglio o con sistemi aureolauci.

Scolari ha realizzato numerosi impianti nel settore con tecnologie adatte alle richieste del cliente. Dopo una prima essiccazione del materiale misto (vinacce e vinaccioli insieme) si procede alla suddivisione dei materiali e quindi si riprendono i vinaccioli per completarne l’essiccazione  ad una umidità finale ≤ 10% per poi procedere all’estrazione dell’olio in essi contenuti.

Legumi: fagioli, coriandolo, piselli

Il processo di essiccazione dei legumi deve essere valutato in funzione delle caratteristiche proprie del legume da trattare e della sua destinazione finale, che può essere per alimentazione umana o per utilizzo come seme per riproduzione.
Le temperature sono differenziate ed i tempi di  essiccazione sono nettamente superiori per le sementi da riproduzione, perché devono conservare pressoché integralmente la propria germinabilità. Cicli di produzione continui od alternativi in funzione delle capacità produttive richieste.

Abbiamo progettato impianti personalizzati anche per il trattamento di:

    Dichiaro di avere letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati forniti.*